Il padel è ormai una realtà forte, i numeri sono sempre più alti e tante persone si stanno appassionando sempre più a questo gioco, sia per la semplicità se paragonata al tennis sia per il grande divertimento che questo sport regala.

Ma è da questo punto che si deve lavorare per far si che il padel diventi una vera e propria disciplina sportiva. Da qui nasce Officine del Padel, un’azienda che ha come mission principale la determinazione nel voler dare una scossa, quell’impulso che manca e che possa permettere al Padel Italiano di fare un vero e proprio salto di qualità a tutti i livelli: partendo dai club, passando per gli istruttori e finendo con gli allievi.

Abbiamo raggiunto l’amministratore unico di Officine del Padel, Roberto De Persio a cui rivolgiamo subito la prima domanda, Roberto perchè Officine del Padel?

Officine del padel nasce per dare una svolta a questo gioco, proprio perché non rimanga solo un “gioco” ma faccia il salto di livello per diventare uno sport vero e proprio. Il nostro intento è quello di formare e di far capire l’importanza di questo passaggio. Intendiamo formare prima di tutto gestori poi allenatori ed infine atleti che possano brillare nelle competizioni internazionali. Tutto questo grazie ad un metodo che abbiamo messo a punto e con il quale certificheremo i circoli e le scuole.

Chi è Officine del Padel?

La struttura è formata da tutte persone appassionate di padel che hanno unito le competenze a vantaggio del massimo risultato. Ogni elemento si interessa di una specifica competenza affinché si possa fare la differenza, oltre a me che sono l’amministratore unico, la squadra è formata da  Giulio Petrucci, coordinatore sportivo, Stefano Macioce, responsabile training e metodo, Gianluca Pennino, responsabile marketing e comunicazione e infine fulcro dell’azienda Adrian Caviglia, direttore tecnico.

Avete nel vostro organico uno dei top allenatori del mondo del padel

Avere in squadra Adrian Caviglia è un orgoglio per noi, un campione e un professionista dei più stimati, campione del mondo nel 2012, attualmente allenatore di molti dei top player del World Padel Tour, ed è proprio grazie alla sua esperienza che vorremmo riuscire a formare i campioni del futuro, o meglio i campioni del futuro italiani.

Quando parla di metodo a cosa si riferisce?

Complesso da spiegare, ma cerco di essere sintetico visto il raggio di azione che copre. Abbiamo ritenuto che il corretto approccio fosse quello di organizzare un centro di padel in modo quasi scientifico. Primo di tutto ci poniamo come consulenti per eventuali start-up, poi mutiamo nella figura di tutor nella fase di avviamento per poi diventare dei partner strategici nella gestione, elemento che vede coinvolte svariate materie. Dal marketing alla giurisprudenza per finire nelle vere e proprie attività didattiche e sportive. Tutto questo avviene seguendo delle linee guida precise che tendono a semplificare la gestione ed aumentare i profitti in tempo inferiori alla media senza tralasciare la soddisfazione dei propri clienti.

Abbiamo visto che nel progetto avete dedicato spazio alla componente atletica.

Si, le competenze di Stefano Macioce sono state fondamentali per mettere a punto un allenamento specifico dedicato al padel, questo perché riteniamo indispensabile integrare la parte tecnica a quella di preparazione fisica. In tutti gli sport in cui si lavora su un vivaio di atleti è imprescindibile la preparazione atletica, per questo motivo abbiamo incluso nel metodo un capitolo specifico. Auspichiamo che gli istruttori saranno in grado sia di allenare che di prevenire infortuni a chi pratica anche solo per diletto.

Quale saranno i prossimi passi di officine del padel?

Il progetto nella sua integrità si compone di step, alcuni nel breve termine, altri e medio lungo termine. In tutti i casi stiamo lavorando su più fronti per raggiungere la mission aziendale.

Proprio in questi giorni abbiamo chiuso l’accordo con i vertici della Lupa Roma F.C. e della Seven One per la realizzazione di un progetto sportivo molto ambizioso dando vita al Lupa Roma Padel Center. Un centro in cui istituiremo in quartier generale per raggiungere gli obiettivi che ci siamo prefissati e condivisi in un più ampio progetto sportivo con Alberto Cerrai – Presidente Lupa Roma F.C. – ed Alessandro De Minicis – Direttore Sportivo  Seven One.
Il primo approccio è stato quello di organizzare una manifestazione unica nel suo genere, Padel Village. Dieci giorni di padel ricchi di eventi sportivi, promozionali e sociali. Vista la quantità di eventi presenti, vi invito a visitare i social network del Lupa Roma Padel Center oppure Officine del Padel.

Ringraziamo Roberto De Persio per la sua disponibiltà nel raccontarci questo nuovo progetto legato al padel.